+39 335 6091 661 - +39 338 5654 714

Week End in Costiera

Tra le bellezze del borgo

Atrani è un caratteristico borgo di pescatori, isolato dal traffico automobilistico, Atrani è il più piccolo comune dell’Italia Meridionale. Le tipiche case bianche con balconi fioriti scendono lungo le pendici delle colline circostanti, intervallate da limoneti, fino a giungere a ridosso della spiaggia; il nome deriva, forse, da un nome di persona o dall’etrusco “atru” (nero), in riferimento alla particolare posizione geografica, costruita in luoghi rientranti, oscuri.
Atrani conserva, dal punto di vista urbanistico, la struttura tipica di una cittadina medioevale, con vicoli e stradine strette, prevalentemente coperte da volte ed archi, che si incuneano tra un’abitazione e l’altra, per poi intersecarsi in una piazzetta o in uno slargo.

Il Tour

VisitAtrani propone un week end esclusivo in Costa di Amalfi.
Il week end base si compone del seguente programma:
Venerdì: Arrivo ad Atrani, sistemazione, visita del borgo e cena in loco, pernottamento.
Sabato: Atrani, pranzo in loco, pomeriggio visita di Amalfi, cena in loco, ritorno e pernottamento.
Domenica: Tour in barca, pranzo ad Atrani, partenza.

Trasfert a nostro carico. Possibilità di abbinare un tour giornaliero in barca.

Cosa visitare ad Atrani

Ai tempi della Repubblica marinara di Amalfi, Atrani era il luogo dove viveva la nobiltà amalfitana, tanto che nell’antica chiesa di San Salvatore de’ Birecto (XI sec.) erano incoronati i Dogi, mediante l’apposizione del berretto (da qui appunto “birecto”) dogale. Quest’ultima, nonostante la facciata neoclassica, è una chiesa antichissima e di pregevole manifattura; il portale in bronzo fu fatto fondere a Costantinopoli nel 1087 dal nobile Pantaleone Viaretta, lo stesso che vent’anni prima procurò ad Amalfi la porta del Duomo. Altrettanto importante è la Collegiata di Santa Maria Maddalena, con la cupola maiolicata. A poca distanza si trova la Grotta di Masaniello, ad di sotto della quale si trova la casa materna del celebre rivoluzionario napoletano. La piazzetta Umberto I, a due passi dalla spiaggetta di Atrani e circondata dai tipici caseggiati della Costa d’Amalfi, per l’atmosfera briosa e fresca che si respira, non ha nulla da invidiare alla ben più nota piazzetta di Capri.

Immancabile la tappa alla Collegiata di Santa Maria Maddalena Penitente, dalla quale si può godere di una vista mozzafiato sulla Divina. La chiesa fu edificata nel 1274 in onore di Santa Maria Maddalena , patrona di Atrani, per ringraziarLa per aver salvato il popolo atranese da un saccheggio dei Saraceni. Dopo aver subito diversi rimaneggiamenti nel corso dei secoli, l’edificio sacrosi caratterizza per la presenza di due transetti, uno con copertura piana e l’altro ricoperto da volte maiolicate e per il suo campanile di tufo bruno. Da ammirare all’interno numerose ed antiche statue e tele. Tra le numerose statue, collocate nelle diverse cappelline laterali, e le tele sette/ottocentesche spiccano: La Madonna pastorella (preziosa scultura del 1789); L’Incredulità di San Tommaso. La facciata della chiesa viene ritenuta «l’unico esempio di Rococò sulla Costa d’Amalfi». Dalla terrazza della sagrestia si domina il golfo di Salerno come dal Belvedere di Villa Cimbrone (Ravello). Infine, lo svettante campanile, con il suo tufo bruno, si erge imponente ed altissimo. I festeggiamenti in onore di Santa Maria Maddalena protettrice di Atrani che, si tengono ogni 22 Luglio.

La Chiesa di Santa Maria del Bando, ubicata sul Monte Aureo e risalente al X secolo, prende il suo nome da un’antica leggenda che narra di un uomo, esiliato senza alcuna colpa e condannato all’impiccagione, graziato proprio dalla Vergine. Un affresco quattrocentesco, che può essere ammirato sull’altare, rievoca questo episodio. Secondo altre fonti, il nome della Chiesa deriverebbe invece dal fatto che dall’altura su cui è collocata, venivano annunciati al popolo i nomi degli eletti al Ducato. Da ammirare il pavimento quadrato maiolicato con figure geometriche, originariamente appartenente alla Collegiata, ed un’urna cineraria in marmo bianco dell’epoca di Claudio o Nerone.

La piazzetta di Atrani

 

Un arco di ingresso ad Atrani affrescato con una meravigliosa poesia di Sigismondo Nastri, professore e decano del giornalismo in Costa d’Amalfi.
La Piazzetta è il cuore della cittadina, meraviglioso cortile urbano dove gli abitanti e i turisti di tutto il mondo si incontrano da mattina presto a notte fonda tra i tavolini dei bar e ristoranti o seduti sulle scale della chiesa di San Salvatore. Rilassati bevendo e mangiando le specialità del posto negli ottimi locali, il tutto a pochi passi dal mare che si scorge dagli archi che portano alla spiaggia. Il borgo di Atrani si è sviluppato intorno alle molte chiese presenti sul territorio del comune; le sue chiese sono ancora oggi i luoghi più belli da visitare, sia per le opere artistiche che, soprattutto, per il fascino e il panorama dei luoghi dove sono state edificate.

Il limone di Amalfi

 

Il limone di Amalfi, inizialmente, veniva chiamato “citro”. Soltanto a partire da XIII secolo inizia ad essere denominato con una parola di origine araba, ossia “limunzello”. Già nell’epoca della Repubblica Marinara di Amalfi, la Costa vantava un elevato numero di agrumeti.
Oggi è conosciuto con il nome di Sfusato Amalfitano ed è intimamente legato alla splendida terra in cui viene coltivato.
La coltivazione di grandi quantità di limoni impegnava l’intera popolazione della Costa. Dalle scorze di questo limone si ricava il tipico liquore della Costiera: il Limoncello.

Amalfi

La singolare architettura di case bianche, il clima mite per quasi tutto l’arco dell’anno e le caratteristiche botteghe artigianali ne fanno una meta turistica perfetta scelta da migliaia di turisti sia italiani che stranieri. Amalfi è un città di circa 7000 abitanti, ricca di storia e arte, e dà il nome alla omonima Costiera Amalfitana, famosa in tutto il mondo e dal 1997, dichiarata patrimonio dell’umanità UNESCO.
La sua fondazione viene fatta risalire ai Romani. A partire dal IX secolo, prima fra le repubbliche marinare, rivaleggiò con Pisa, Venezia e Genova per il controllo del Mar Mediterraneo.

Amalfi è uno dei centri turistici più rinomati di tutta la Campania, ed è apprezzato in tutto il mondo per la sua bellezza artistica e naturale ma anche per lo splendido mare. La cittadina si snoda lungo una strada principale attorniata da una serie di stradine e vicoli. Ma cosa vedere ad Amalfi? Una delle perle è il Duomo, che sorge in Piazza Sant’Andrea. La struttura è nata dalla fusione di due precedenti chiese, e ci vollero quasi mille anni per portarlo a termine, tanto che lo stile varia dal romanico al barocco con un notevole influsso arabo-siciliano.

Dall’atrio della cattedrale è possibile entrare nel Chiostro del Paradiso, in stile romanico e arabo, dove venivano sepolti i nobili. Nella piazza principale si può invece visitare la fontana di Sant’Andrea, risalente al 1760. Poco più avanti, lungo la strada principale, si incontra la fontana “Cap’ e ciuccio”, composta da due teste in marmo, tra le quali sorge un piccolo e dettagliato presepe. Sempre in paese da non perdere anche il Museo della Carta, vero baluardo della Costiera Amalfitana.

Tour in barca

Giro dell’Isola via mare per scoprire le meraviglie della sua costa
Una bellissima escursione in barca a Capri, l’isola “azzurra” è il modo migliore per esplorare questa meravigliosa isola, di origine calcarea, perla dell’Arcipelago Campano, famosa in tutto il mondo.
Con L’Uomo e il Mare, esperti in escursioni in mare a Positano e in Costiera Amalfitana e nel Golfo di Napoli da tanti anni , il tuo tour sarà quello che hai sempre sognato!
L’Isola di Capri è una favola vivente e non solo per la natura selvaggia e gli scorci spettacolari che riesce a donare agli occhi attenti dei visitatori, ma anche per l’ atmosfera incredibile che vi si respira e la stupefacente freschezza che si ritrova in ogni angolo, nonostante sia una terra visitata sin dai tempi romani, Augusto e Tiberio la scelsero addirittura come rifugio, e sia la meta di vacanza preferita dei Vip di ogni parte del mondo che qui hanno scelto spesso di fermarsi e prendere casa.

Il nostro tour in barca a Capri vi porterà alla scoperta dei punti più panoramici, famosi e fotografati dell’ Isola ma vi farà assaporare anche l’ inaspettata bellezza di punti più nascosti e inesplorati, piccole calette dove potremo fermarci a fare il bagno nelle acque di un blu cobalto eccezionale!

Sei interessato ad uno dei nostri tour? Compila il form o chiamaci.

DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish